From the daily archives: domenica, gennaio 14, 2018

Qualcuno di voi probabilmente ricorderà l’analisi sul cambio Euro/Dollaro pubblicata due settimane fa, in cui si evidenziarono aspetti grafici di notevole peso.

Vi invito a rileggerla prima di proseguire nella lettura di questo post che ne rappresenta una continuazione.

Di seguito un passaggio di quell’analisi:

“Se così fosse, anche gli obiettivi di prezzo sarebbero notevoli, ma ne parleremo eventualmente in un secondo momento.”.

Grafico:

Euro/Dollaro – Base Annuale

Innanzitutto va detto che l’Engulfing Bullish annuale è già stata confermata, grazie alla violazione dei massimi del 2017.

In merito al target, innanzitutto è giusto precisare che se la tendenza di lungo termine dovesse proseguire, il prossimo target sarà superiore al precedente massimo relativo registrato nel 2008 (1,6038).

Inoltre, applicando le estensioni di Fibonacci ai punti di svolta A-B-C otteniamo diversi target.

Il meno ambizioso è ad 1,516, ma è sul secondo (1,815) che vi invito a prestare attenzione.

Infatti, tra il 2024 ed il 2026 (ipotetico target temporale indicato nell’analisi citata) la parallela superiore del canale ascendente transiterà, guarda caso, nei pressi di tale livello.

Si ricorda come un obiettivo, in quanto tale, non sempre è raggiunto.

Mi rendo conto di quanto al momento tali livelli possano sembrare impensabili, ma è la stessa impressione che s’aveva nel 2000 (punto A) ascoltando chi magari ipotizzava come target area 1,6, poi effettivamente raggiunta, ed anch’essa praticamente coincidente con l’estensione del 100% dei precedenti punti di svolta (1985-1992-2000).

Ad ogni modo, l’utilità di analisi di lunghissimo termine come questa sono quelle di disporre di uno scenario di fondo da monitorare col passar del tempo, ma la maggior parte degli investitori, operando con orizzonti temporali molto più stretti, deve continuare a seguire i segnali che emergono da grafici con time frame inferiori.

E infatti in futuro, pur mantenendo un occhio sull’ipotesi illustrata, si tornerà a concentrarsi su scale temporali molto più brevi.

Riccardo Fracasso

 

 
Set your Twitter account name in your settings to use the TwitterBar Section.