Il check up è un report redatto periodicamente che, attraverso uno studio  approfondito di elementi di analisi fondamentale e tecnica, mira a valutare lo stato di salute economico/finanziario.
 
Requisito fondamentale dell’analisi è che sia condotta con obiettività, evitando di incorrere in quel diffusissimo fenomeno che è noto come distorsione per sopravvivenza e che ci porta a confermare un’opinione considerando  le sole informazioni che la avvalorano e  trascurando quelle contrarie; è invece essenziale seguire il percorso inverso, partendo da un’analisi per giungere ad un’opinione.
 
Non v’è una periodicità specifica nella pubblicazione, poiché un nuovo report è generalmente steso quando sono intercorse variazioni in grado di modificare lo scenario precedente.
Ad ogni modo, solitamente, tra due report trascorrono circa 2-3 mesi.
 
Dovendo scegliere, s’è preferito come ‘paziente’ lo S&P; 500, essendo uno degli indici più rappresentativi della borsa e dell’economia più grande al mondo: quella degli Stati Uniti.
Tutto ciò non esclude considerazioni o persino interi studi, che possano riguardare altri Paesi.
 
Il report, si rivolge principalmente agli investitori con orizzonte di medio/lungo periodo, tuttavia una visione ad ampio respiro può risultare utile anche per chi opera nel breve.  
 
Il check up è redatto con la consapevolezza che  è impossibile prevedere il futuro con certezza, ma è verosimile individuare il futuro più probabile.
 
Tagged with:
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Set your Twitter account name in your settings to use the TwitterBar Section.