Currently viewing the category: "Analisi Materie Prime"

Il 10 settembre del 2018, esaminando il rapporto tra lo S&P 500 e l’oro, si mise per la prima volta sul tavolo l’ipotesi di un’inversione del trend rialzista in corso da Agosto 2011.

In altre parole, si ipotizzava un rafforzamento del metallo giallo nei confronti della borsa americana.

Quasi superfluo evidenziare come l’inversione di simili tendenze pluriennali siano di grande interesse per gli investitori.

Al tempo il rapporto era pari a 2,4 e attualmente vale 1,75, il che implica effettivamente una notevole inversione dei rapporti di forza.

Si osservi innanzitutto una sequenza di massimi decrescenti (freccia blu)

D’altro canto, fino all’anno scorso i minimi erano allineati (retta nera).

Non a caso da diverso tempo, in particolar modo con i nostri check up, s’erano indicati come riferimento grafico di assoluto rilievo i minimi di Dicembre 2018.

Minimi rotti a Marzo di quest’anno per poi lasciar spazio al recente poderoso rimbalzo che, però, proprio nell’ultima settimana parrebbe aver riconosciuto il vecchio supporto (i minimi di Dicembre 2018, per l’appunto) come nuova resistenza (freccia rossa).

In buona sostanza, si sta delineando il classico pull back.

Se in passato la strategia short borsa americana e long oro ha avuto successo grazie alla posizione rialzista sull’oro, in futuro anche lo short sulla borsa americana potrebbe dare il proprio contributo (ne abbiamo avuto un assaggio già tra metà Febbraio e metà Marzo).

Anche in tal caso l’analisi tecnica ha dimostrato e sta dimostrando la propria utilità.

L’aspetto importante è quello di non approcciarla con l’ingenua illusione che sia infallibile, ma come uno dei vari strumenti in grado di darci una mano per leggere il mercato e individuare lo scenario più probabile.

Concetto peraltro ripetuto fino alla noia e che i lettori meno distratti, la quasi totalità, si ricorderà di aver letto decine di volte in questo blog.

Riccardo Fracasso

Tagged with:
 
Set your Twitter account name in your settings to use the TwitterBar Section.