From the daily archives: giovedì, aprile 5, 2018

Solitamente parlando di debito si fa riferimento a quello pubblico, sottovalutando l’importanza di quello privato.

Si ricorda, per esempio, come la famosa bolla immobiliare dello scorso decennio fu alimentata dal debito privato.

Negli Stati Uniti la situazione è particolarmente chiara:

Composizione debito USA – Dati di Equifax

Il debito complessivo USA è del 360%, in cui il divario tra la componente privata (250%) e quella pubblica (110%) è molto ampio.

Attualmente l’interesse medio pagato dai debitori privati ammonta al 5,5%.

Inoltre, il debito privato è stato contratto principalmente a tasso variabile, il che lo espone al rialzo dei tassi, peraltro già in corso.

Situazione quindi destinata a complicarsi e che già da qualche mese vede un aumento delle insolvenze, in particolar modo su prodotti privi di collaterali (per esempio i viaggi) o con collaterale (per esempio i cellulari)  che comunque non consente  a chi eroga di recuperare la perdita.

Un processo già vissuto e che col tempo mette in difficoltà chi finanzia ed ha come logica conseguenza una stretta creditizia che rappresenterebbe un problema importante.

Difatti, il PIL americano è legato per un 70% alla domanda interna che, a sua volta, poggia essenzialmente sui consumi, principalmente contratti a credito.

Di riflesso, una stretta creditizia avrebbe un impatto notevole sul PIL USA, e conseguentemente anche sugli altri Paesi.

Riccardo Fracasso

 
Set your Twitter account name in your settings to use the TwitterBar Section.