Lo S&P 500  ha chiuso la seduta a 1.775 punti, registrando un -0,01%.

Il bilancio settimanale è pari ad un -1,65%.

La chiusura settimanale nei pressi dei minimi ne rende probabili ulteriori nella prossima settimana.

Sono diverse settimane che si propone il seguente grafico, suggerendo prudenza:

SP1

Nel frattempo s’è assistito ad un lieve sforamento sia della trendline superiore che dell’estensione di Fibonacci indicata nel grafico.

Andiamo allora a quantificare i cali che hanno coinciso con le 2 volte passate in cui lo S&P 500 ha raggiunto la trendline superiore di questo ampio canale rialzista:

SP2

Le perdite furono:

  • calo dal massimo di aprile 2010 = -17%;
  • calo dal massimo di maggio 2011 = -21%.

Considerando che da qualche mese si parla di tapering (quindi ridimensionamento della QE3), preoccupa il fatto che  le 2 discese più importanti degli ultimi 5 anni furono strettamente legate all’interruzione della quantitative easing.

Infatti, l’Aprile del 2010 cessò la QE1 ed il Luglio 2011 la QE2.

Apro una parentesi: qualcuno potrebbe giustamente osservare che il secondo calo ha leggermente anticipato la fine della QE2, ma è altrettanto vero che la fine della stessa era nota già da tempo (in altre parole, il mercato azionario ha anticipato leggermente la conclusione della QE2).

In entrambi i casi i cali sono davvero consistenti.

Una correzione del 15-20% dai recenti massimi (1.813) significherebbe scivolare a 1540 punti o addirittura a 1.450.

E’ giusto però evidenziare che nelle precedenti occasioni la QE1 e la QE2 furono interrotte completamente mentre al momento si parla di una riduzione della QE3; ciò suggerirebbe una correzione dello S&P 500 decisamente meno corposa rispetto alle passate.

D’altro canto, però, non va scordato che i precedenti cali partirono da valori nettamente inferiori (1.219 e 1.370) al recente massimo (1.813).

In altre parole gli eccessi di valore (oltre che di leva) attuali sono molto più elevati di quelli passati.

Ad ogni modo, i mercati (non solo quello americano) saranno influenzati in modo rilevante dall’entità del tapering che la Fed attuerà quando deciderà di ridurre gli stimoli monetari.

Riccardo Fracasso

Tagged with:
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Set your Twitter account name in your settings to use the TwitterBar Section.