Il Ftse Mib  ha chiuso la seduta a 21.199 punti, registrando un -1,07%.

Il bilancio settimanale è pari ad un -4,41%.

Ieri, trattando l’Rsi settimanale, la cui indicazione di ipercomprato era stata evidenziata venerdì scorso, si puntualizzava quanto segue:

“E’ doverosa una precisazione: così come per ogni grafico ed indicatore su base settimanale, l’ultimo valore dell’RSI su base settimanale assume il carattere dell’ufficialità esclusivamente con la chiusura della settimana; prima di allora l’ultimo dato è da considerarsi ufficioso.

Pertanto, il segnale evidenziato martedì andava considerato come segnale da confermare.

Pur essendo buona regola quella di non anticipare mai la conferma dei segnali, ritengo che chi avesse alleggerito nel corso della settimana eventuali posizioni long in portafoglio del Ftse Mib (evidentemente in buon guadagno) non abbia commesso un reato, anzi.”.

Ed ancora:

“A distanza di una sola seduta dalla conclusione della settimana, l’RSI mantiene il proprio segnale ribassista.

Appare quindi probabile, seppur non certo, che domani sera si possa avere l’ufficialità del segnale ribassista dell’RSI settimanale.”.

Grafico aggiornato:

Ftse Mib - RSI a 14 settimane

Ftse Mib – RSI a 14 settimane

Come potete osservare è effettivamente giunta l’ufficialità del segnale.

A questo punto risulta meno utile proseguire il monitoraggio dell’andamento dell’RSI settimanale.

Grafico a 6 mesi del Ftse Mib:

Grafico nr. 2 - Ftse Mib

Grafico nr. 2 – Ftse Mib

Innanzitutto va evidenziato come il Detrended segnali già un eccesso di ipervenduto di breve periodo.

Avviciniamo lo sguardo:

Grafico nr. 3 - Ftse Mib

Grafico nr. 3 – Ftse Mib

La discesa di questa settimana ha chiuso i precedenti gap up formatisi con l’allungo di fine Marzo.

Tale aspetto rappresenta un elemento positivo perché i gap up apertisi dopo una fase di buona continuità rialzista sono giustamente letti come un eccesso dai compratori i quali, spesso, ne attendono la loro chiusura prima di acquistare.

Ora abbiamo 5 chiusure giornaliere consecutive negative, il che, unitamente all’ipervenduto di breve periodo, rende vulnerabile il movimento ribassista in corso.

Già dopo 3-4 chiusure consecutive dello stesso segno ne diventa probabile una col segno opposto.

Non si sta affermando che il calo sia concluso definitivamente (anche per via del segnale ribassista dell’RSI settimanale) ma che potrebbe esser interrotto temporaneamente da un breve rimbalzo e successivamente proseguire.

Da segnalare infine che la seduta di oggi ha originato un quasi impercettibile gap down la cui chiusura richiede un recupero del Ftse Mib almeno fino a 21.429.

Riccardo Fracasso

Tagged with:
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Set your Twitter account name in your settings to use the TwitterBar Section.