Quando un Paese, per reperire denaro, si rivolge al mercato emettendo titoli di Stato, lo fa ad un costo: gli interessi passivi.

Tali interessi sono una delle voci della spesa pubblica; uno dei due canali attraverso i quali un Paese copre la spesa pubblica, come sappiamo, è quello delle entrate pubbliche (l’altro è la contrazione di nuovo debito), composte principalmente da quelle fiscali.

Pertanto, lo Stato per raccogliere denaro emette titoli di Stato e paga degli interessi passivi che fa ricadere nelle tasche dei cittadini.

In altre parole, e qui arriviamo al nocciolo della questione, s’assiste ad un trasferimento di ricchezza dai cittadini al mercato, costituito principalmente dalle banche.

In parole ancor più semplici, con tale processo i cittadini si impoveriscono e le banche si arricchiscono.

Non si brucia ricchezza, ma semplicemente si trasferisce.

Non è quantomeno strano che tutto ciò avvenga sapendo che per molti Paesi esiste l’alternativa di crearsi il denaro dal nulla senza dover sottostare a qualsiasi richiesta del mercato?

Come più volte affermato, l’Italia, come peraltro tutti i Paesi membri dell’Area Euro, con l’avvento dell’Euro ha rinunciato alla sovranità monetaria e da allora l’unica istituzione avente il diritto d’emissione è la BCE.

Non sarebbe bene che la BCE, nel momento in cui uno Stato membro si trovasse nell’incapacità di raccogliere dal mercato denaro ad interessi ragionevoli, intervenisse creando moneta dal nulla e fornendogliela?

Un atteggiamento simile, inoltre, avrebbe l’effetto di tranquillizzare il mercato diffondendo il messaggio che oltre certi livelli c’è chi (BCE) interviene.

In caso contrario, si ha la sensazione d’abbandono.

Onestamente, qualcosa di simile Mario Draghi l’ha attuato e prende il nome di OMT (Outright Monetary Transactions), il cosiddetto ‘scudo anti-spread’: in estrema sintesi, uno Stato in difficoltà può richiedere denaro alla BCE.

Ciò ha effettivamente favorito un deciso ritorno di fiducia degli investitori e conseguentemente una vistosa riduzione dei rendimenti dei titoli di Stato emessi dai Paesi più in difficoltà (Italia compresa), ma esistono sostanziose differenze tra OMT e QE (per chi volesse approfondire, rimando alla lettura dell’articolo ‘Draghi annuncia l’OMT’).

Ma ora torniamo alla domanda posta in precedenza: perché mai uno Stato deve pagare per raccogliere denaro quando esistono Paesi che, se non reputano convenienti le condizioni richieste dal mercato, il denaro se lo creano dal nulla?

Condivisibile o meno, una risposta a tale comportamento esiste: il pericolo inflazione.

Mi spiego: la creazione di denaro può generare pressione sui prezzi e quindi ricadere anch’essa sui cittadini.

Insomma, l’inflazione stessa può essere considerata una sorta di tassa invisibile sui cittadini.

Non nego il rischio potenziale dell’aumento dell’inflazione, ma sostenere che bisogna emettere non vuol dire ritenere che si debba farlo in modo scriteriato; significa semplicemente emettere nuova liquidità solo nel caso di forte necessità, per esempio quando il sistema è in crisi di liquidità ed il mercato ti impone tassi svantaggiosi.

Altrimenti, uno Stato diventa schiavo delle banche.

Altrimenti, si gettano le basi per favorire l’usura legalizzata contro un Paese e, come abbiamo visto, i tassi finiscono per esser coperti dalle tasse.

Essere schiavi del mercato significa potersi ritrovare costretti ad accettare rendimenti inaccettabili che, come detto, pesano sulla spesa pubblica.

Peraltro, da decenni è abitudine comune per i Paesi coprire parte della spesa pubblica contraendo nuovo debito; si innesca così un circolo vizioso attraverso il quale il debito crea interessi il cui pagamento richiede la sottoscrizione di nuovo debito e così via.

A tal proposito, impressiona sapere che circa la metà del debito attuale dell’Italia sia stato contratto per pagare gli interessi e gli interessi sugli interessi via via formatisi.

Riccardo Fracasso

Tagged with:
 

3 Responses to Le tasse per pagare i tassi

  1. rocco tripodi ha detto:

    scusa Riccardo c’è un passaggio che non capisco.
    ” In altre parole s’assiste …. ad un trasferimento di ricchezza dai cittadini al mercato, costituito principalmente dalle banche.”
    puoi essere più chiaro

    • RICCARDO FRACASSO ha detto:

      Certo Rocco,
      lo Stato quando emette titoli di stato paga gli interessi passivi al mercato (a chi compra i titoli di stato) ed una buona percentuale del mercato è formata dalle banche.
      Gli interessi passivi sono ovviamente una passività (come altre, tipo l’istruzione, le pensioni, ecc.) per lo stato che va a pesare sulla spesa pubblica.
      Lo Stato per coprire la spesa pubblica (per cui anche gli interessi passivi) spesso aumenta le tasse che gravano ovviamente su noi cittadini.
      Per cui, gli interessi passivi sono pagati dai cittadini ed incassati dal mercato (e quindi anche dalle banche che hanno sottoscritto i titoli di stato).
      Sono stato un pò più chiaro?

  2. rocco tripodi ha detto:

    chiarissimo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Set your Twitter account name in your settings to use the TwitterBar Section.