Recentemente il cross euro/rand, grazie ad un prolungato rialzo (che implica un deprezzamento della valuta sudafricana), si è riportato all’interno dell’area dei massimi registrati nell’Ottobre del 2008  (15,22) e rivisti con temporaneo sforamento a Gennaio dell’anno scorso, soglia che funge da resistenza statica.

Raggiunta una resistenza così importante è bene valutare lo ‘stato di salute’ del cross in esame, per capire se sussistono o meno i presupposti per il superamento.

Grafico aggiornato alla chiusura di lunedì:

Euro/Rand - Resistenza di lungo termine

Euro/Rand – Resistenza di lungo termine

Di seguito alcuni aspetti importanti:

  • rialzo a forma parabolica;
  • RSI a ridosso dei livelli di ipercomprato su scala mensile (anche su base settimanale e giornaliera);
  • 5 chiusure mensili positive (nel conteggio non si considera l’ultima candela poiché rappresentativa di Settembre, mese ancora distante dalla sua conclusione).

Tutti e tre gli elementi ci indicano che il cambio euro/rand è giunto all’appuntamento con area 15,20 col fiato molto corto.

La situazione è evidentemente tirata e si avvalora la tesi di un potenziale triplo massimo e di qualche mese favorevole al rand.

Riccardo Fracasso

Tagged with:
 

4 Responses to Euro/Rand a ridosso dei massimi

  1. Stefano ha detto:

    … e quindi di qualche mese favorevole all’oro, correlato in modo diretto col rand?

    • RICCARDO FRACASSO ha detto:

      Ciao Stefano,
      il prezzo dell’oro in un’ottica di lungo periodo è senza dubbio molto interessante maal momento non vedo alcun aspetto tecnico che mi faccia pensare ad un ingresso.
      Poi magari un segnale giungerà molto presto, ma attualmente non vedo elementi che giustifichino un’entrata.
      Riccardo

  2. roberto ha detto:

    buongiorno Riccardo, pensi che sia il momento buono per comprare bond BEI in rand?grazie per la disponibilità. Roberto

    • RICCARDO FRACASSO ha detto:

      Salve Roberto,
      sui bond in generale sono negativo, per cui io propenderei per scadenze brevi cercando performance dalla valuta.
      Ovvio che si tratta di una valuta molto volatile, per cui eventuali posizionamenti devono riguardare una piccola parte di portafoglio.
      Ovviamente la mia è un’ipotesi che reputo probabile ma non certa.
      Riccardo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Set your Twitter account name in your settings to use the TwitterBar Section.